Questo sito usa i cookie per login , navigazione ed altre funzioni. Usando il sito accetti l'uso dei cookie

Leggi la policy sulla privacy

Leggi la direttiva europea sulla privacy

Hai rifiutato i cookies. Puoi cambiare la tua decisione.

grata eleganteLa sicurezza come non ci stancheremo mai di ricordare è un valore relativo che purtroppo tende a degradarsi nel tempo.

Soluzioni tecniche e di sicurezza che erano ritenute valide fino a poco tempo fa, perdono dopo alcuni anni la loro capacità di resistere alle effrazioni dei malviventi fino a diventare una vera e propria calamita  anche per i ladruncoli meno capaci che si impadroniscono rapidamente delle nuove tecniche di scasso.

Diviene dunque di particolare importanza per chi si occupa di sicurezza come noi, continuare a cercare le soluzioni più efficaci per contrastare al meglio questo fenomeno.

Da alcuni mesi osserviamo infatti il crescente numero di grate che vengono facilmente forzate con una particolare leva che viene inserita al di sotto dell’aletta battente della chiusura della grata stessa (vedi figura a lato).aletta battente grata

La funzione di tale aletta è quella di impedire un facile accesso alla serratura da parte degli arnesi di scasso.

La tecnica di scasso si concentra proprio su questo particolare delle grate sfruttandone l’effetto della leva che si viene a creare con l’inserzione dell’arnese di scasso nello spazio presente tra questa ed il telaio della grata stessa.

E’ del tutto evidente pertanto che la presenza di quest’aletta che si sovrappone al telaio quando la grata e chiusa è divenuto improvvisamente un punto di debolezza di tutta la struttura. Per ovviare a tale inconveniente abbiamo messo a punto una soluzione di chiusura “complanare” della grata stessa.

L’adozione di un particolare profilo di battuta della grata che una volta chiuso non risulta sovrapposto al telaio divenendo un “unicum” con tutta la struttura, creando una chiusura ermetica della grata  eliminando pertanto del tutto la possibilità di inserire una leva tra battuta e telaio.

L’adozione di un profilo a Z nella parte che ospita la serratura, di profili in acciaio da 30/10 e l’impiego di cerniere rinforzate con struttura antistrappo che entrano nel telaio bloccando in contemporanea l'anta, creano una struttura solidissima che risulta praticamente “saldata” al telaio costituendo una barriera pressoché insuperabile.

Tutta la struttura risulterà visibilmente più robusta rispetto a quelle largamente disponibili sul mercato costituendo un ulteriore elemento di dissuasione per i malviventi.

 

Giovanni Marzulli