Questo sito usa i cookie per login , navigazione ed altre funzioni. Usando il sito accetti l'uso dei cookie

Leggi la policy sulla privacy

Leggi la direttiva europea sulla privacy

Hai rifiutato i cookies. Puoi cambiare la tua decisione.

defender danneggiato dai ladriLa sicurezza, come non ci stancheremo mai di ripetere è un valore relativo.
Anche la struttura più robusta, se soggetta ad un attacco ben portato può cedere ai tentativi di effrazione.
E’ pertanto nell’ottica di mantenere un elevato livello di sicurezza ai nostri clienti che siamo sempre attenti alle novità tecnologiche per la sicurezza passiva di abitazioni ed attività commerciali.
Ultimamente assistiamo purtroppo ad un significativo aumento di effrazioni di porte blindate dotate di cilindro europeo di prima generazione.
La protezione fornita dai defender (la piastra di protezione del cilindro europeo) non è più sufficiente per resistere ai tentativi messi a segno dai malviventi.
L’attacco avviene forzando il defender e successivamente spaccando il cilindro europeo con un tubo innocenti utilizzato a mo di leva. Anche i defender di ultima generazione iniziano a mostrare i loro limiti: i tentativi di effrazione si risolvono spesso in danni irreparabili alla porta ed alle serrature (pur resistendo al furto come si vede nella foto a sinistra) comportando costi di riparazione piuttosto elevati.
Il defender viene infatti forzato e deformato comportando spesso il blocco di tutto il meccanismo di apertura con la conseguenza di dover sostituire l’intero blocco di chiusura.
Per ovviare a questa criticità è attualmente disponibile sul mercato una soluzione che rinforza proprio l’area del cilindro europeo venendo a creare una vera e propria corazzatura mediante una piastra di acciaio al manganese resistentissima alla trapanazione.
lamiera-imbutita
La struttura viene installata su tutte le nostre nuove porte pur essendo possibile adattarla a moltissime porte preesistenti operandone alcuni adattamenti.
La installazione di questa soluzione comporta la realizzazione di un foro svasato detto “imbutitura” sulla lamiera che andrà ad ospitare la serratura.
Nelle nuove porte questo tipo di lavorazione è effettuato ponendo la lamiera da 20/10 su di una pressa dotata di uno stampo ad imbuto.
La pressione praticata dalla macchina produce un foro perfettamente circolare e dotato di imbutitura.
Su tale foro si installa il cilindro europeo di nuova generazione che va ad incastrarsi perfettamente nella svasatura creata dalla pressa sulla lamiera.
La parte esposta all’esterno del cilindro viene protetta dalla piastra di acciaio al manganese di 5 o 6 millimetri che presenta una analoga svasatura ed ha lo scopo di rendere impossibile l’inserimento di un tubo innocenti atto a forzarne il meccanismo.
Il manganese risulta essere infatti un materiale molto più duro dell’acciaio e difficilissimo da forzare e/o trapanare. L’opera viene completata da una borchietta esterna in plastica che ha esclusivamente una funzione estetica.

cilindro europeo protetto da lastra al manganese
L’insieme costituito dal cilindro europeo, dalla lamiera imbutita e dalla piastra di protezione al manganese (saldata sulla struttura della porta) è un forte elemento di dissuasione per i malviventi che, dopo una rapida ispezione, andranno a cercare obiettivi più semplici da aggredire.

 

Giovanni Marzulli

CHIAMA ORA IL    3929512873  PER IL TUO PREVENTIVO GRATUITO